Home » Marketing online & offline » Come costruire una sitemap efficace? Contenuti e concertazione della mappa

Come costruire una sitemap efficace? Contenuti e concertazione della mappa

Quando un copywriter o un web editor sono chiamati a scrivere i testi per un sito web, sanno che la struttura dei testi delle singole sezioni rappresenta la fase conclusiva del lavoro. A monte della fase di scrittura è necessario un delicato lavoro preparatorio, che inizia con l’elaborazione della mappa del sito o “site map”. 
Per capirci meglio: la mappa del sito sta ai testi del sito come l’indice del libro sta ai contenuti dello stesso.   [SITEMAP : testi = INDICE : contenuti]

La sua definizione è quindi il primo passo necessario per la realizzazione di un sito web  bilanciato e user friendly.

Tanto più complesso e il sito, maggiore è l’importanza della mappa. Possiamo trovare un importate esempio di mappa sul sito della Apple, alla voce “site map”. apple-site-map

Durante la sua elaborazione, è necessaria la presenza di tutte le figure professionali responsabili della creazione del sito mi riferisco al digitale copywriter, il Web designer, lo sviluppatore della Web agency, il CEO e il responsabile marketing dell’azienda che intende realizzare il sito.
L’elaborazione della mappa non è altro che il frutto di una importante concertazione tra i vari responsabili delle Web agency e dell’azienda. Ciascuno di essi deve calarsi nei panni dell’utente modello del sito e verificare la coincidenza tra la mappa mentale dell’utente modello la mappa del sito proposta.
L’utente modello è l’utente ideale del sito, ovvero il visitatore tipo di cui siamo riusciti a tratteggiare le caratteristiche medie grazie ai dati che descrivono il target group. È, altresì, importante calibrare la strutturazione della mappa del sito, le sue successive modifiche e revisioni in base alle presunte esigenze cognitive del visitatore immaginario. Per fare un esempio, il copywriter dovrebbe valutare se la sequenza delle sezioni principali del sito riflette o meno le priorità dell’utente modello durante la navigazione; e dovrebbe porsi gli stessi interrogativi, quando va a verificare la sequenza delle sottosezioni. Non va dimenticato che chi va online lo fa sempre con un occhio all’orologio.
Nel caso di siti di ampie dimensioni è possibile facilitare l’utente con l’inserimento di un motore di ricerca interno, ma è necessario costruirlo a regola d’arte, altrimenti si finisce per innervosire l’utente che non trovando subito il prodotto o la risposta cercata, finisce per uscire dal sito.

Qualche piccolo consiglio per costruire una SITEMAP.

sitemap4

1. Il suggerimento pratico è di calarsi nei panni dell’utente modello e stilare la lista di curiosità e di domande cui il sito deve dare una risposta. Le presunte domande dell’utente modello devono essere formulate in modo generico in modo da poter associare una categoria di prodotti una tematica. L’identificazione delle FAQ (frequently asked questions), può essere un metodo per rompere il ghiaccio con la mappa iniziare a configurare i contenuti del sito.

2. Il passo immediatamente successivo è quello di formulare un nome che identifichi le varie porzioni di contenuti che compongono la mappa: il nome delle sezioni dev’essere breve, chiaro e deve indicare lo stesso lessico dell’utente modello. Per fare un esempio, se si lavora per conto di un brand di auto e si vuole creare una sezione con la lista dei concessionari autorizzati, si deve appurare con quale precisa parola vengono identificati dal target group del sito. I Nostri potenziali visitatori digiteranno nel motore di ricerca la parola concessionaria o la parola concessionario? Nel caso in cui si tratti del primo sito realizzato dall’azienda si può trovare risposta a interrogativi come questo, analizzando le keyword più utilizzate dai siti dei competitori;

3. Il passo seguente nell’elaborazione della mappa sarà quello di stabilire un ordine dei contenuti delle gerarchie che troveranno espressione nel sotto menu e nelle sottosezioni del sito.

4. Un sito di successo deve contenere elementi di novità e la mappa deve essere predisposta ad accoglierli offrendo loro il dovuto risalto. E consigliabile evitare di affidare gli aggiornamenti a banner, pop-up percepiti come invasivi dalla maggioranza degli utenti.

5. Infine è necessario pianificare con anticipo e precisione, quale sia la posizione più idonea, tra i vari menù è sotto menu, a ospitare i successivi aggiornamenti in modo da invogliare gli utenti a visitare il sito a più riprese.

E tu hai costruito così la tua sitemap?

 

Comments

comments

About Luca Cappello

Check Also

Flowchart, perché è utile per la costruzione di un sito web?

Una volta arrivati all’elaborazione definitiva della mappa del nostro sito web, possiamo pensare al suo ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

chiudi

Immagini

GRATIS

40 SITI WEB PER SCARICARE

I siti elencati di seguito sono stati testati da me personalmente, quindi non vi resta che cercare le immagini per la categoria che vi interessa e utilizzarle liberamente

Scarica il Pdf

Anch'io odio lo Spam!

CLOSE

Complimenti!

Controlla la tua email!

n.b se non dovessi ricevere l'email controlla nella cartella Spam