Home » Marketing online & offline » [p.3] TI REPUTI UN CONSUMATORE O UN CONSUM-ATTORE? IL PROSUMER | parte 1

[p.3] TI REPUTI UN CONSUMATORE O UN CONSUM-ATTORE? IL PROSUMER | parte 1

prosumer (1)

Distinguere il web di ieri, di oggi e di domani produce inevitabili conseguenze anche su una nuova concezione dei consumatori da metabolizzare.Il marketing moderno per anni ha portato avanti una tesi: il consumatore al centro, ovvero persone che possono solo “consumare” informazioni e prodotti. Una tesi basata su presupposti giusti solo fino a qualche tempo fa. Oggi le persone valutano un prodotto o una marca basandosi su cosa il prodotto o la marca dicono di sé; persone che producono informazioni e giudizi sul brand; persone più consapevoli, che per farsi un’idea del prodotto acquisiscono informazioni e condividono esperienze con altri; persone capaci e vogliose di costruire a modo proprio il loro prodotto; persone che se coinvolte vanno oltre il concetto di fedeltà alla marca, diventando ambasciatori della marca stessa (Brand Ambassador), il più potente mezzo di comunicazione della marca stessa. E’ quello che, mi piace ricordare, Steve Jobs ha saputo fare, riconoscendo nella sua “Mela” non un semplice logo, ma un brand in grado di umanizzare il suo business. Proviamo a capire questo meccanismo, utilizzando il motore di ricerca. Provate a paragonare i risultati prodotti con due parole di ricerca che simulano uno stato d’animo verso un prodotto o una categoria. E’ sicuramente poco ortodosso, ma significativo: “amo apple” appaiono milioni di risultati.

EasyCapture1

Il numero di risultati non è proporzionale alla notorietà del brand, ma alla sua capacità di creare coinvolgimento, alla sua reputazione.

1 utente su 2 produce giudizi online; 3 su 4 ascoltano, leggono e tengono conto dei giudizi fatti dagli altri attribuendogli credibilità, molta più credibilità dei messaggi commerciali che possono ricevere sullo stesso prodotto (es pratico); 4 su 5 sono d’accordo con l’affermazione “credo di più a quello che altri scrivono online a proposito di marche e prodotti rispetto a quanto dicono le aziende di se”. Pensate al settore turistico. Sono più rilevanti le “stelle” degli alberghi o le palline che rappresentano lo score dei giudizi su tripAdvisor? La recensione di una persona che è stata lì, o la brochure che troverete nell’agenzia di viaggi?

Penso che  il marketing di oggi debba partire proprio da queste nuove verità (anche se non sono poi così nuove). Vi consiglio di leggere le “95 tesi del Cluetrain Manifesto” un documento scritto circa 2 decenni fa, che ha fatto molto discutere e che invece si è tradotto in un vero e proprio precursore di modernità.

Nel prossimo post parleremo di quali sono i principali fenomeni che, dopo diverse valutazioni personali, penso possano essere considerati alla base del cambiamento che influenzano il consumatore.

written by Luca Cappello

Leggi il Post Precedente: IL RUOLO DEL MANAGER 2.0

Iscriviti e tieniti aggiornato

Comments

comments

About cappelloluca

Check Also

Flowchart, perché è utile per la costruzione di un sito web?

Una volta arrivati all’elaborazione definitiva della mappa del nostro sito web, possiamo pensare al suo ...

2 Commenti

  1. Reblogged this on Design Your Life and commented:
    Ti reputi un consumatore?

  2. siamo tutti consumatori, bisogna vedere da quale prospettiva la si osserva! Sicuramente mi sento un consumatore attento che valuta molto, ma può essere una deformazione professionale 🙂 e tu? lo sei?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

chiudi

Immagini

GRATIS

40 SITI WEB PER SCARICARE

I siti elencati di seguito sono stati testati da me personalmente, quindi non vi resta che cercare le immagini per la categoria che vi interessa e utilizzarle liberamente

Scarica il Pdf

Anch'io odio lo Spam!

CLOSE

Complimenti!

Controlla la tua email!

n.b se non dovessi ricevere l'email controlla nella cartella Spam