Home » Marketing online & offline » Principi di Viralità della notizia: quando e perché?

Principi di Viralità della notizia: quando e perché?

Parlando di nuovo ciclo della notizia e della velocità di diffusione, c’è da chiedersi cosa renda la diffusione di una notizia più o meno rapida, ossia cosa conferisca a un contenuto una carica virale più o meno violenta.

marketing-virale-viral-marketing

Proprio come scritto in alcuni manuali di biologia, la caratteristica del virus è la sua capacità di passare da organismo a organismo e di replicarsi velocemente. Con la terapia genetica si sfrutta questa capacità agganciando al virus alcune informazioni che, se portate a bersaglio in grande quantità, sono in grado di salvare la vita.

In campo digitale si applica lo stesso principio.

Definire con esattezza le caratteristiche di un contenuto virale è un po’ difficile a priori. Sono però identificabili diversi stadi di viralizzazione.  Avere una notizia virale permette alla notizia stessa di avere un vettore che ne garantisce la pronta replicazione.

Studiando il meccanismo di diffusione della notizia in un noto caso qualsiasi, possiamo tracciare sette stadi di viralizzazione:

1. Eccitazione: si condivide la notizia per trasmettere istantaneamente i sentimenti legati alla sua conoscenza;

2. Incertezza: si diffondono dubbi sulla sua autenticità;

3. Ricerca della validità: gli utenti si affidano alle fonti d’informazione tradizionale per cercare conferma dell’autenticità della notizia;

4. Conferma: giunge conferma ufficiale della sua autenticità;

5. Scherzi, banalità per trarre profitto personale dalla notizia come la diffusione di post ironici;

6. Azione: i social offrono la possibilità di organizzazione movimenti spontanei;

7. Analisi dettagliata su un blog o un quotidiano online sulla vicenda.

pubblicita1

A questi si aggiunge la vicinanza: quanto la notizia mi riguarda? L’utilità e la stranezza. Più un fatto è bizzarro e si discosta dalla normalità, più è interessante. Ecco perché a essi si aggiunge un’altra caratteristica tipica della viralità: si deve essere spinti a condividerla.

Per farlo si deve rispondere a questa domanda: diffondendo questa informazione quale beneficio se ne trae?

Come regola base, più la notizia ha un lato sorprendente, divertente, emozionale, socialmente utile, più si è portati a condividerla perché se avrà l’impressione di essere percepiti non solo come fonte di notizie anche come associati a quel contenuto (e quindi simpatici, sensibili, impegnati……).

Il Seeding.

In termini di marketing, lo sforzo di comunicazione di chi gestisce un brand o un prodotto è quello di progettare la viralità delle informazioni. Uno sforzo che deve essere fatto per velocizzare al meglio tutti i canali di comunicazione  in un’ottica crossmediale. In poche parole è necessario portare la notizia all’attenzione del pubblico che si vuole coinvolgere direttamente, attraverso i luoghi di aggregazione (community, gruppi, social media, forum, etc.) o attraverso i web influencer, ossia persone o luoghi in rete che abbiano influenza su opinioni e comportamenti del target. Si parla per questo di seeding, ossia di fare un’operazione di semina: considerare cioè il contenuto come un seme che può germogliare crescere nei terreni più fertili al fine di far crescere una pianta in salute.

Il Subvertising.

Sono noti casi di aziende, che sono riuscite nell’obiettivo di ottenere un contenuto virale e quindi, ad esempio, un video un’immagine che ha ottenuto centinaia di milioni di visitatori. Uno dei casi più recenti e quello di una mini spot di una  nota casa automobilistica

Il protagonista un bambino travestito da Darth Vader di Guerre Stellari, che tenta di utilizzare il lato oscuro della forza. Ad appropriarsene e utilizzare la viralità del video contro la stessa casa automobilistica è stata Greenpeace: stesso spot da milioni di persone, stesso concept, ma parodiato e finale diverso: con lo stesso tono e la stessa ironia ha lanciato un chiaro messaggio contro alcuni comportamenti tenuti dall’azienda.

Comments

comments

About Luca Cappello

Check Also

Flowchart, perché è utile per la costruzione di un sito web?

Una volta arrivati all’elaborazione definitiva della mappa del nostro sito web, possiamo pensare al suo ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

chiudi

Immagini

GRATIS

40 SITI WEB PER SCARICARE

I siti elencati di seguito sono stati testati da me personalmente, quindi non vi resta che cercare le immagini per la categoria che vi interessa e utilizzarle liberamente

Scarica il Pdf

Anch'io odio lo Spam!

CLOSE

Complimenti!

Controlla la tua email!

n.b se non dovessi ricevere l'email controlla nella cartella Spam