Home » Marketing online & offline » WRITING: Dalla scaletta alla tecnica del Clustering

WRITING: Dalla scaletta alla tecnica del Clustering

Eccoci qui, davanti ad un foglio bianco. Da dove iniziamo?

Ricordo che il mio insegnante d’italiano, prima di affrontare un compito in classe, ci suggeriva sempre di iniziare il lavoro preparando una scaletta, ovvero un indice di argomenti in sequenza da affrontare nello svolgimento del tema in modo da renderci le cose più semplici nel momento del free-writing e per non uscire fuori tema.

È passato qualche anno da allora e alla scaletta si è affiancata una nuova tecnica di scrittura, ritenuta dagli studiosi molto più efficace: La tecnica del clustering (in inglese, cluster vuol dire grappolo), così chiamata perché il risultato finale è molto simile ad un “grappolo” di parole.

Qual è la procedura?

1. iniziamo a scrivere la parola chiave che definisce l’argomento principale del testo al centro di un foglio bianco;

2. tracciamo intorno alla parola un bel cerchio o una breve espressione;

3. registriamo ogni pensiero scrivendo una parola e collegandola alla parola centrale o eventualmente ad altre anche di pari livello o inferiore; Al termine di questo processo si avrà un quadro completo di tutti gli argomenti che andremo a trattare e dei relativi collegamenti;

4. a questo punto, selezioniamo gli argomenti che vogliamo scrivere, eliminando i restanti considerati superflui per lo sviluppo delle argomentazioni;

5. infine, diamo un ordine agli argomenti selezionati, riconoscendo prima l’argomento di apertura e di chiusura e, successivamente tutti gli altri.

L’argomento iniziale può, per esempio, essere segnalato con una “I” (che sta per inizio), mentre quello di chiusura con una “F”.

Quest’ultima operazione è particolarità della tecnica di clustering e discende dagli studi sul funzionamento della memoria: le parti iniziali e finali di un testo, di un film, di un elenco sono quelli che si ricordano meglio, proprio perché rimangono maggiormente impressa nella memoria.

Una volta definiti gli estremi quindi si può facilmente passare all’ordinamento degli argomenti centrali numerando logicamente il percorso da seguire.

Fatta la scaletta utilizzando la tecnica del clustering che abbiamo visto, passiamo a scrivere il testo in modalità “free-writing” seguendo l’ordine di presentazione assegnata alle nostre idee  in fase di “pre-writing”, a questo punto non ci resta che passare interamente al setaccio ciò che abbiamo scritto per sistemare definitivamente il prodotto e consegnarlo alle stampe o a chi dovrà leggerlo.

In questa fase di “re-writing”, che  forse è anche la più importante, considerato che il lettore leggerà il testo che uscirà da questa, occorre fare molta attenzione alle regole grammaticali, alla sintassi, all’ortografia, allo stile, alla scelta delle parole e delle espressioni.

Buona scrittura 😉

Comments

comments

About Luca Cappello

Check Also

Flowchart, perché è utile per la costruzione di un sito web?

Una volta arrivati all’elaborazione definitiva della mappa del nostro sito web, possiamo pensare al suo ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

chiudi

Immagini

GRATIS

40 SITI WEB PER SCARICARE

I siti elencati di seguito sono stati testati da me personalmente, quindi non vi resta che cercare le immagini per la categoria che vi interessa e utilizzarle liberamente

Scarica il Pdf

Anch'io odio lo Spam!

CLOSE

Complimenti!

Controlla la tua email!

n.b se non dovessi ricevere l'email controlla nella cartella Spam